Gli investitori sudafricani perdono 13 milioni di dollari in seguito alla dichiarazione di fallimento del truffatore Bitcoin

Un’alta corte sudafricana ha dichiarato in bancarotta un presunto genio della truffa bitcoin, Willie Breedt. La decisione del tribunale fa seguito a una richiesta di un investitore scontento, Simon Dix, afferma un rapporto di News24.

Willie Breedt è l’amministratore delegato della

Willie Breedt è l’amministratore delegato della defunta Vaultage Solutions (VS), la società al centro della presunta truffa di cripto-valuta. Secondo i media sudafricani, si stima che circa 2.000 investitori abbiano investito un totale di 227 milioni di rand sudafricani, pari a 13,35 milioni di dollari, nella società di Breedt.

I problemi per gli investitori della società sono iniziati quando Breedt ha interrotto tutte le comunicazioni poco prima di recarsi in Mozambico per una vacanza in dicembre.

A gennaio, Breedt – che è sotto indagine penale – ha chiuso i battenti. A quanto pare si è nascosto a causa della crescente pressione da parte di investitori ansiosi.

In un precedente rapporto, News24 ha affermato di aver stabilito in modo „affidabile“ che i problemi di Breedt sono iniziati nel novembre 2019 quando „c’è stato un apparente crollo del mercato della crittovaluta“. Breedt sperava „che i mercati si riprendessero abbastanza da poter recuperare i milioni che aveva perso“.

Tuttavia, un’analisi del grafico del prezzo del Bitcoin Trader per il novembre 2019 mostra che l’unico crollo significativo si è verificato il 25, quando il prezzo del bitcoin è sceso da 7.200 a 6.600 dollari. Questo „crollo“ è stato, tuttavia, di breve durata. Il giorno successivo, quasi tutte le perdite si sono invertite e il prezzo sarebbe rimasto sopra i 7.000 dollari per il resto del mese.

Tuttavia, il rapporto di News24 allude anche alle affermazioni

Tuttavia, il rapporto di News24 allude anche alle affermazioni di alcuni investitori che avevano indagato sui conti bancari di Breedt. L’indagine potrebbe aver scoperto una possibile frode. Senza offrire prove, gli investitori sostengono che il conto, che in precedenza deteneva 3,15 milioni di dollari (52 milioni di rand), era ora vuoto.

Nel frattempo, la notizia della dichiarazione di fallimento di Breedt e l’imminente perdita di milioni di dollari ha scatenato il dibattito. Alcuni membri della comunità dei crittografi sudafricani non si sono mostrati indifferenti.

In un post, l’eminente giornalista sudafricano James Preston concorda sul fatto che questo rallenterà l’adozione, affermando che, indipendentemente da quest’ultima storia di truffa, l’adozione di massa di cripto-monete crittografiche richiederà più tempo. Riferendosi a un post di un rapporto di Forbes pubblicato nel 2017, egli suggerisce che la crittovaluta è ancora indietro di diversi anni. Altri si lamentano del fatto che il notiziario stesso contiene delle inesattezze ed espone i livelli generali di ignoranza.

Nel frattempo, la South African Reserve Bank ha nominato la società di contabilità aziendale Pricewaterhousecoopers per indagare su Vaultage Solutions.